Mese: Febbraio 2021

Gli strilloni (di Carlo Maria Marchi)

  Torno indietro con la memoria e all’angolo della strada vedo gli strilloni, un mestiere che si annunciava gridando. Gli strilloni avevano tutti una maglietta a righe orizzontali quasi fossero i gondolieri di Venezia e cucite sulle righe i nomi dei quotidiani. Non c’erano ancora le edicole e i giornali si vendevano poggiati su piccoli…

Di wp_6937204 28/02/2021 1

un racconto di Sandra Moretti

  Glory L’uomo ferma la macchina sotto una casa in stile liberty. Il sole sta calando. Una ballade rock esplode dalle casse dell’autoradio. “Ne manca solo una, e finalmente sarà completa” pensa tra sé e sé. «Fino a oggi non ho mai scelto chi, ma sapevo esattamente come sarebbero morti. Questa notte sarà diverso.” Esce…

Di wp_6937204 27/02/2021 1

un racconto di Roberta Zimei

  I pesci rossi Devo decidermi a fare il colore. Guarda come vado in giro, basta. Più tardi chiamo Carmen e prendo un appuntamento per oggi pomeriggio. Oddio, però avevo promesso a Giancarla di leggere il bando e provare a pensare al progetto, uffa. No, il bando lo guardo domattina, mi sveglio presto e mi…

Di wp_6937204 27/02/2021 2

una distopia di Eowyn Milis

  Lo vide all’improvviso ma non ne fu stupito. Ne aveva avvertito la presenza già da qualche minuto, pur senz’aver alzato gli occhi. Del resto, non avrebbe potuto fare altrimenti. Non ne avrebbe avuto la forza. Lo spettacolo davanti a se’ era talmente desolante da risultare quasi ipnotico. Come se distogliere lo sguardo potesse accrescere…

Di wp_6937204 27/02/2021 1

un racconto di Alessandra Zenarola

  VIAGGIO DI NOZZE Dovevano partire a mezzogiorno, cerimonia sobria e tanti saluti. Invece gli amici avevano tirato fuori damigiane e bicchieri di plastica, la piazzetta davanti al municipio si era trasformata in un cortile in festa e avevano brindato tutti, dall’assessore alla cultura al passante occasionale. A Udine non si era mai visto un…

Di wp_6937204 26/02/2021 0

un racconto di Anna Maria Pierdomenico

  Clara Clara stava dritta davanti alla finestra spalancata e fissava il vuoto. Quella notte pioveva forte, ma lei sembrava incurante delle grosse gocce che la inzuppavano e colavano fino al pavimento, la sua mente era in un mondo lontano, diverso, senza dolore. Non reagì nemmeno quando il pesante portone d’ingresso sbatté alle sue spalle…

Di wp_6937204 25/02/2021 2